Spiriti Liberi

Il Tutto attorno a noi


La diga del Vajont oggi: lo spettacolo di una catastrofe

E’ da tempo che vorrei tornare in questa zona, vista quasi di sfuggita nelle occasioni precedenti ma che mi ha lasciato, per quel poco che ho visto, del tutto affascinata e soprattutto molto invogliata a scoprirla di più. In realtà, forse è proprio il fatto che un luogo ci sia piaciuto molto, a prescindere da quanto ne abbiamo visto, a lasciarci la sensazione di non averne avuto abbastanza, un po’ come l’inesauribile nostalgia di tempi felici eppure pienamente vissuti…

Dopo aver attirato anche il mio compagno nella mia intenzione di tornare nelle Dolomiti Friulane, richiamo velocemente alla memoria un paio di tappe appetibili in zona e partiamo così alla volta di Cimolais. Il Campanile di Val Montanaia, arrampicato diversi anni prima in giornata e situato proprio in una valle laterale della val Cimoliana, mi è improvvisamente tornato alla memoria: questo spettacolare spuntone dolomitico, dalla sagoma imponente, mai mi apparve più inafferrabile come alla fine del sentiero di avvicinamento, che tuttavia portò me e i miei compagni di cordata a scalarlo.

Mi sovviene così anche il ricordo della diga del Vajont, nella stessa zona, a cui il mio amato vorrebbe dare un’occhiata per soddisfare una curiosità, perlopiù di ordine tecnico.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La diga, rimasta pressoché intatta, è divenuta tristemente famosa non solo per la catastrofe avvenuta quando un versante del monte Toc franò nel bacino omonimo, provocando la gigantesca onda d’acqua che riversandosi a valle causò la morte di 2.000 persone, ma anche come caso di studio geologico.

Non c’è possibilità di parcheggio al di fuori degli spazi a pagamento per cui decidiamo che la nostra occhiata sarà ancora più veloce del previsto. L’atmosfera, per quanto ci siano intorno solo turisti, è un po’ desolata.

Dopo pochi passi nel piccolo piazzale, attrezzato con punto di ristoro e qualche bancarella che vende libri e documenti sulla tragedia, ci accorgiamo delle bandierine tibetane fissate lungo il perimetro. La loro visione, con i colori vivaci che si agitano al vento, regala una nota di allegria. Subito dopo però la lugubre scoperta: su ciascuna di esse sono riportati il nome e l’età di bambini deceduti; inorriditi, ne guardiamo alcune, notando il gran numero di bandierine utilizzate… purtroppo, nella catastrofe del 9 ottobre del 1963, morirono 487 bambini e ragazzi sotto i 15 anni.

Ci avviciniamo poi all’ingresso alla diga, pensando sia libero come al tempo in cui mi ci recai io la prima volta: “Questa diga di morti ne ha fatti già abbastanza per cui ora la si può percorrere solo con la guida”, ci comunica gentilmente il ragazzo accanto al cancelletto, anticipando le nostre domande. Da quanto ci racconta, sembra che ci siano stati un paio di suicidi nei dintorni, e per motivi di sicurezza ora l’accesso è regolamentato. Persone non indigene, che provenivano anche da regioni piuttosto lontane. Ma perché recarsi proprio lì per farla finita?

Un’intuizione si collega alla sensazione provata appena scesa: un luogo in cui sembra essersi congelata la morte, mantenuta da un’evocazione continua.

La guida ci invita a fare qualche passo avanti verso la diga, fin dove possiamo arrivare senza superare l’ingresso, e così scorgo in lontananza alcune persone “in visita”: turisti, qualche ragazzo saltellante e giovani imbragati (poco distante è stata attrezzata anche una via ferrata).

Sembra si tratti a tutti gli effetti di un’attrazione turistica, anche se il solo pensarlo appare orribile.

Mi auguro possa risultare davvero utile, come monito ai valori universali, il richiamare così fortemente alla memoria una catastrofe che ha portato tanto orrore in una vallata tuttora pulsante.

Forse accennava a questo l’espressione “(…) gli sciacalli del Vajont (…)” scritta su un muro della vecchia Erto.

Osservo la natura scombussolata lì intorno, che da allora non ha mai smesso di rinverdire e prendersi nuovo spazio.

Annunci

Escursione primaverile in Val Liona, nel cuore dei bellissimi Monti Berici

Domenica 20 maggio, a partire dalla mattina, percorreremo suggestivi sentieri tra boschi di carpini, roverelle e ginepri, scoprendo vecchie fontane e godendo di vedute mozzafiato sulla Val Liona, in un paesaggio tuttora testimone dell’antica armonia uomo-natura.

L’escursione è costituita da un emozionante giro ad anello che partendo dal paese di San Germano dei Berici sale ai Monti Faeo e Lupia addentrandosi nella vegetazione, ora fitta ora rada, dei Monti Berici, toccando così molti punti di interesse paesaggistico e storico-antropico.

Aggirandoci tra antiche Fontane, Buse d’acqua, contrade e costruzioni a secco – dette “casotti” – sempre accompagnati dall’incantevole presenza di svariate essenze (bagolaro, roverella, carpino nero, albero di giuda e molte altre), perverremo, prima di scendere a valle, ad una magnifica visione sulla Val Liona verso sud.

san germano.jpg

Caratteristiche tecniche del percorso

Lunghezza: 13 km circa

Durata: 7 ore circa

Difficoltà: E

Partenza: ritrovo in piazza della Pace (parcheggio) a San Germano dei Berici (Vicenza) alle 9:30 oppure alle 8:30 al parcheggio E33 di San Martino Buon Albergo (Verona).

Escursione che richiede un minimo di allenamento. Per le caratteristiche del percorso non è possibile utilizzare passeggini.

Equipaggiamento richiesto: pedule, scarponi o scarpe da ginnastica da trail.

Da portare con sé: acqua, pranzo a sacco, crema solare, copricapo, impermeabile leggero con cappuccio, felpa.

Chi vuole può usare i propri bastoncini da nordic walking.

Per altre indicazioni o informazioni, telefonatemi (3756104267) o scrivetemi qui: Sil.gambato@gmail.com

Iscrizioni: entro sabato 19 maggio al 3756104267 (telefonare o inviare messaggio su whatsapp) indicando nome e cognome.

L’escursione sarà effettuata al raggiungimento del numero minimo di partecipanti (10 persone).

Costi: 10 € adulti, 4 € bambini fino a 12 anni.

Vi aspetto!!

 


Ali nel buio

Finalmente, dopo varie occasioni mancate, ho l’opportunità di avere un incontro ravvicinato con animaletti normalmente poco abbordabili: i chirotteri, meglio noti come pipistrelli.

Questa sera, infatti, potrò assistere ad operazioni di cattura volte allo studio della specie: l’incontro comprenderà quindi anche un assaggio di vera ricerca scientifica.

Spiriti Liberi Carlo Rebonato ReCaP 2

Trattandosi di animali selvatici protetti dalla legge, fondamentali per il mantenimento di molti ecosistemi in tutto il mondo, i pipistrelli sono oggetto di studi e monitoraggi continui. Con più di 1300 specie, sono gli unici mammiferi in grado di volare (chirottero significa infatti “mano alata”).

Pur essendo in grado di adattarsi ad una grande varietà di ambienti, sono purtroppo minacciati da degrado ambientale, pesticidi e intolleranza umana. Per questo motivo, molte istituzioni e associazioni fanno opera di divulgazione ed educazione su di loro.

Anche Andrea Pereswiet-Soltan, dottore al Departement of Paleozoology dell’Università di Wrocław (Polonia), persegue questo scopo, coadiuvando anche il Centro Educazione e Ricerca Chirotteri del Veneto.

L’appuntamento è sul far della sera in uno degli ambienti eletti a rifugio da questi animali: le grotte. Verso le 20 ci troviamo quindi già all’interno di una piccola cavità della Lessinia, dove avviene il posizionamento degli strumenti utili allo studio sui pipistrelli, che a quest’ora cominciano a volar fuori alla ricerca di cibo.

Una rete lieve come una ragnatela viene posizionata in prossimità dell’uscita, in attesa del loro arrivo. Dopo pochi istanti al buio, ecco udirsi, appena percettibile, l’atterraggio forzato dei silenziosi ospiti. Spiriti Liberi Carlo Rebonato ReCaP 3

Posso così osservarli da vicino mentre mani esperte li liberano dalla rete, afferrandoli per la collottola proprio come dei gattini. Il pelo che ne ricopre il busto è morbidissimo, quasi impalpabile, mentre le ali appaiono fragilissime: sono costituite da un sottile strato di pelle.  Guardandoli in movimento, anche se limitato, noto la perfezione della loro natura, la meraviglia della struttura fisica, con la mano alata che l’evoluzione ha loro regalato.

Nell’espressione del musetto, tutta l’innocenza del mondo animale, incaponito a vivere e lottare pur non capendo quanto gli accade.

Nel giro di circa un’ora, vengono catturati più di venti esemplari. Delicatamente sbrogliati dai fili, vengono poi adagiati uno ad uno nei rispettivi sacchettini, in attesa di essere esaminati e liberati. Spiriti liberi Carlo Rebonato ReCaP

Durante la “visita”, viene valutato anche lo stato di salute dei piccoli animali, pesati e misurati in alcune parti del corpo.
Man mano che li osservo, si fa strada un sentimento di tenerezza verso animali a volte così sbrigativamente demonizzati (vampiri?), stereotipati (non si attaccano ai capelli) o bollati come “brutti”: basterebbe saperli vedere.
Vi invito quindi ad informarvi correttamente, ad esempio qui, evitando in generale di dare credito a fonti incerte o a notiziole che appaiono anche sui social network: il mondo è altro!
E vale la pena conoscerlo davvero. 😉

NB: Le ricerche citate in questo post sono state effettuate con i permessi di ISPRA, Ministero dell’ambiente, Regione Veneto e Parco della Lessinia.

 


Camminata sulle colline veronesi: Avesa e i suoi angoli preziosi

Domenica 4 marzo faremo un’interessante camminata – di difficoltà medio-facile – nei dintorni verdi del delizioso borgo di Avesa, appena fuori dalla città di Verona. sDopo un breve tratto sulla strada asfaltata (ma ben poco trafficata) del paese, ci inoltreremo nella vegetazione lungo un sentiero sassoso.

20180127_120716Tra le sorprese che ci riserva il Monte Ongarine, scopriremo come la bellezza del luogo, con le sue acque (tra cui la risorgiva Lorì) e le sue rocce (prevalentemente sedimentarie), si è intrecciata alla vita dell’uomo, diventando protagonista di eventi forti e consuetudini alquanto pittoresche.

tPer informazioni e iscrizioni chiamatemi al 3756104267 o scrivete a spiritiliberi@email.it

A presto


Avventure in grotta: la Rana sempre diversa

La grotta del Buso della Rana, per l’ennesima volta e sicuramente per tutte quelle a venire, non smette di sorprendere, deliziare e mettere alla prova chiunque la percorra, indipendentemente dal tragitto scelto.

Ma che cos’è esattamente il cosiddetto “Buso della Rana”?

Più che il classico antro scuro, se non siete speleologi, potreste immaginare un insieme di grotte, meglio definito dagli addetti ai lavori come “sistema carsico”. Il Buso della Rana è quindi un’enorme cavità sotterranea composta a sua volta da cunicoli, sale e gallerie comunicanti tra loro, creati dall’azione dell’acqua su rocce che, per loro particolare natura (in questo caso carbonatica), si prestano ad essere erose.

P3090041.jpg

Ph Carlo Rebonato

 

La magia è che, in sinergia con l’acqua, la roccia, in una certa misura, si cancella, per poi, come spesso avviene, ricrearsi in altre forme. Tutto scientificamente spiegabile ma non per questo meno affascinante. E la magia non finisce qui, anzi, è appena cominciata: esplorare il Buso della Rana significa percorrere una rete sotterranea di circa 34 km di sviluppo in cui si è costretti ad avanzare in modo sempre differente, in un ecosistema indipendente dall’esterno e popolato da stigobi (organismi viventi in ambiente acquatico sotterraneo). Si tratta di un mondo particolare, che vive in parallelo a quello esposto in superficie e che per questo può subire facilmente danni da azioni inopportune.

Indispensabile, quindi, prima di avventurarvisi, è acquisire le informazioni fondamentali su di esso, per rispettarlo ma anche per goderne pienamente, nella consapevolezza di ciò che si ha la fortuna di vedere.

Non bisogna comunque dimenticare che il mondo ipogeo è inospitale per l’uomo, comporta dei rischi per i quali è necessario essere preparati e accompagnati da persone competenti prima di metterci piede.

Gennaio ha dato l’occasione a nuovi ardimentosi di varcarne la soglia, vittime di quel suo fascino misterioso che ai più, bisogna ammetterlo, incute più timore che attrazione.

 

Vedere la stessa grotta non è mai la stessa cosa; guardarla – e sentirla – nei panni di neofiti esploratori, la trasforma ancora.

Grazie ai partecipanti, che si sono lasciati accompagnare nel mistero con fiducia ed entusiasmo dal gruppo speleologico di cui faccio parte; la condivisione è un altro prezioso regalo di queste esperienze.

Per chi volesse approfondire l’argomento, rimando ad una fonte ufficiale, dalla quale si possono scaricare gratuitamente quaderni didattici su vari argomenti naturalistici (link al Ministero dell’ambiente): http://www.minambiente.it/biblioteca/quaderni-habitat-n-1-grotte-e-fenomeno-carsico-la-vita-nel-mondo-sotterraneo


Al lupo! Al lupo!

I titoli altisonanti dei maggiori quotidiani veronesi hanno dato risonanza in questi giorni agli allarmismi legati alla presenza del lupo in Lessinia. I presunti avvistamenti vicino ad alcune abitazioni in loco hanno gettato acqua sul fuoco, già acceso abbondantemente dalle vistose predazioni da parte di questi leggendari carnivori.

Wolf

Il lupo è una specie protetta che è sempre stata presente sulle nostre Alpi ma a leggere tra le righe sembra che una convivenza tra lui e i “moderni” montanari sia impossibile. Un po’ sarà l’effetto scoop… ma un po’ davvero c’è chi si lascia suggestionare o ingannare dall’apparenza e non vorrebbe fare i conti con aspetti naturali di un territorio che si sta cercando di ripristinare in tutta la sua biodiversità.

A ben guardare, questi “al lupo al lupo” possono essere l’occasione per scoprire qualcosa di nuovo sul nostro territorio, qualcosa di prezioso che ci sta accadendo proprio sotto gli occhi e che, a tenerli chiusi, può apparire paradossalmente come “un problema”.

La Lessinia è una delle sette aree-chiave individuate dal Progetto WolfAlps (nell’ambito del più ampio programma comunitario Life di protezione ambientale) per la conservazione della popolazione del lupo nell’arco alpino attraverso una serie di azioni diversificate (monitoraggio, prevenzione, comunicazione, ecc..) tra le quali trova ampio spazio anche l’educazione e la gestione della convivenza tra lupo e attività umane.

E oltre a questo, i monti veronesi ospitano quella che è considerata una circostanza naturalistica eccezionale: l’unione, nel 2012, tra due lupi, l’italiana Giulietta e il balcanico Slavc, appartenenti a popolazioni diverse “isolate” tra loro da secoli, che ha dato vita all’attuale branco.


Per saperne anche molto di più, basta un clic al sito ufficiale del progetto http://www.lifewolfalps.eu/il-lupo-nelle-alpi/, dove si troveranno tutte le informazioni sulle finalità dello stesso, le caratteristiche e la storia di questa specie, file informativi scaricabili, faq, eventi e la possibilità di segnalare un avvistamento.

Se poi si vuole qualche spiegazione o approfondimento in più per voce viva, basta ascoltare Luigi Boitani, tra i massimi esperti sull’argomento: https://www.youtube.com/watch?v=FxKzhRbPpkI


Il verde del mare

Ci sono pezzi di costa in cui il verde della vegetazione si sposa stupendamente con i toni azzurro-blu del mare, nonostante, cromaticamente, i due colori appaiano poco conciliabili. Eppure, accostati dalla natura, creano una sinergia che rinfranca gli occhi e lo spirito con la sua frizzante vitalità.

La toscana è ben zeppa di spazi verdi, spesso liberi di crescere indisturbati e protetti, che si fanno trovare anche molto vicini al mare; è il caso di Punta Falcone, una riserva naturale che si sviluppa su di un piccolo promontorio nella parte nord di Piombino,  sorridente e sobria cittadina a metà strada tra Livorno e Grosseto.

Si tratta di un parco che, introducendoci in un giardino fiorito e selvaggio costellato di barbe di giove, lecci, stracciabrache e alaterni, offre squarci appassionanti sul canale di Piombino e sulle isole appena al di là: Elba, Palmaiola, Cerboli… Le rocce, prevalemente di origine magmatica, coprono l’intera zona con un tappeto dai toni verdastri, bruno-rossastri o quasi neri, accompagnando nella breve discesa verso il mare.

Il facile ma emozionante percorso si snoda armoniosamente tra calette mangiate dalle onde, resti di guerra, siepi profumatissime, scogli e un luccicante osservatorio astronomico. Il tutto, animato da farfalle fulminee, coleottori e voli d’uccello, è ben segnalato da cartelli esemplificativi ed etichette botaniche, gentilmente apposte dai volontari su molti esemplari di piante.

Come la magica piazza Bovio in notturna, un altro posto da non perdere se ci si trova da queste parti.

Info su: Piombino turismo